Skip to main content

Il MIT ha affrontato l'atmosfera terrestre per dare la banda larga lunare

Quattro telescopi trasmettitori in il deserto del New Mexico, ognuno di soli 6 pollici di diametro, può dare a un satellite in orbita attorno alla luna un accesso a Internet più veloce di molte case americane.

I telescopi formano l'estremità terrestre di un collegamento laser sperimentale per dimostrare una comunicazione più rapida con il veicolo spaziale e possibile basi future sulla luna e su Marte. I ricercatori del Massachusetts Institute of Technology forniranno dettagli sul sistema e le sue prestazioni il prossimo mese ad una conferenza di The Optical Society.

La Lunar Laser Communication Demonstration (LLCD) è stata lanciata lo scorso settembre con il lancio di NASA's LADEE (Lunar Atmosphere e Dust Environment Explorer), un satellite di ricerca ora in orbita attorno alla luna. La NASA ha costruito un modulo di comunicazione laser in LADEE per l'uso nell'esperimento wireless ad alta velocità.

[Ulteriori letture: I migliori router wireless]

LLCD ha già dato prova di sé, trasmettendo dati da LADEE alla Terra a 622 Mbps (bit per secondo) e nell'altra direzione a 19.44 Mbps, secondo il MIT.

La NASA spera che i laser possano accelerare la comunicazione con le missioni nello spazio, che usano la radio per parlare con la Terra ora, e consentono loro di inviare più dati. L'attrezzatura laser ha anche un peso inferiore rispetto all'ingranaggio radio, un fattore critico considerato l'alto costo di sollevamento di qualsiasi oggetto nello spazio.

Il progetto utilizza i telescopi trasmittenti a White Sands, nel Nuovo Messico, per inviare dati come impulsi di luce infrarossa invisibile. La parte più difficile del raggiungere la luna con il laser sta attraversando l'atmosfera terrestre, che può piegare la luce e farla sbiadire o abbandonare verso il ricevitore.

Un modo in cui i ricercatori si aggiravano usando i quattro separati telescopi. Ciascuno invia il suo raggio attraverso una diversa colonna d'aria, dove gli effetti di flessione della luce dell'atmosfera sono leggermente diversi. Ciò aumenta la possibilità che almeno uno dei raggi raggiunga il ricevitore sul LADEE.

I risultati del test sono stati promettenti, secondo il MIT, con il collegamento ottico di 384,633 km che fornisce prestazioni prive di errori sia nell'oscurità che nella luce solare , attraverso le nuvole sottili parzialmente trasparenti e attraverso la turbolenza atmosferica che ha influito sulla potenza del segnale.

Un motivo per cui funziona è che c'è un sacco di energia di segnale da risparmiare. La potenza di trasmissione delle antenne terrestri ammonta a 40 watt e sul LADEE viene ricevuto meno di un miliardesimo di watt. Ma questo è ancora 10 volte il segnale necessario per comunicare senza errori, secondo il MIT. Sulla nave, un telescopio più piccolo raccoglie la luce e la focalizza in una fibra ottica. Dopo che il segnale è stato amplificato, è convertito in impulsi elettrici e in dati.