Skip to main content

ACLU, altri gruppi Sue Governo USA oltre il bordo Laptop Ricerche

L'American Civil Liberties Union e altri gruppi hanno intentato una causa contro la pratica della protezione doganale e doganale (CBP) negli Stati Uniti di cercare laptop e altri dispositivi elettronici ai confini degli Stati Uniti.

La causa , presentata martedì dall'ACLU, dalla New York Civil Liberties Union e dall'Associazione nazionale degli strati criminali di difesa (NACDL), lancia una politica CBP del 2008 che consente agli agenti di frontiera di cercare dispositivi elettronici di qualsiasi viaggiatore, senza sospetti di illeciti. In alcuni casi, gli agenti di frontiera hanno copiato il contenuto dei dispositivi o li hanno confiscati. La causa chiede al tribunale un ordine che vieta le perquisizioni di dispositivi elettronici alle frontiere senza un mandato e causa probabile o ragionevole sospetto di attività criminale.

[Ulteriori letture: le nostre scelte per i migliori PC portatili]

I gruppi hanno intentato la causa "proteggere i diritti di tutti gli americani di attraversare la frontiera senza intrusioni nelle ricerche governative", ha detto Catherine Crump, procuratore del personale con il Discorso ACLU, Privacy e progetto tecnologico.

Le ricerche sui laptop di confine violano il Quarto Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti , che protegge le persone da ricerche e sequestri irragionevoli, l'ACLU ha affermato. Il CBP ha istituito una "zona senza frontiere al confine", ha detto Crump in un video pubblicato dall'ACLU.

Una portavoce del CBP non ha avuto un commento immediato sulla causa.

I gruppi hanno intentato la causa negli Stati Uniti Tribunale distrettuale per il Distretto orientale di New York a nome della National Press Photographers Association (NPPA) e Pascal Abidor, un doppio cittadino franco-americano che ha cercato il suo laptop e confiscato al confine con il Canada.

Abidor stava viaggiando da Montreal a New York su un treno Amtrak a maggio, quando ha cercato il suo laptop e confiscato dagli ufficiali del CBP, ha detto l'ACLU. Abidor, uno studente di dottorato in studi islamici, è stato interrogato, ammanettato, tolto dal treno e tenuto in una cella per diverse ore prima di essere rilasciato senza accusa, ha detto il gruppo.

Quando il suo laptop è stato restituito 11 giorni dopo, c'era prove che molti dei suoi file personali, tra cui ricerche, foto e chat con la sua ragazza, erano stati perquisiti, sostiene la causa.

L'incidente "mi ha fatto dubitare di quanta privacy abbiamo", ha detto Abidor.

Documenti ottenuto dall'ACLU in risposta ad una causa legale sulla libertà di informazione separata per le registrazioni relative alla politica CBP ha mostrato che circa 6.600 viaggiatori hanno fatto effettuare ricerche sui loro dispositivi elettronici al confine statunitense tra l'1 ottobre 2008 e il 2 giugno di quest'anno, il ACLU ha detto.

"Il mio obiettivo nel lavorare con ACLU è di impedire che questo accada a chiunque di nuovo", ha detto Abidor nel video ACLU.

Tra ottobre 2008 e giugno 2009, CBP ha confiscato più di 220 dispositivi da viaggiatori, e tra il 20 luglio 08 e giugno 2009, l'agenzia ha trasferito i dati trovati sui dispositivi dei viaggiatori ad altre agenzie più di 280 volte, ha detto l'ACLU.

L'ACLU ha archiviato la causa per ottenere informazioni sulle ricerche di frontiera nell'agosto 2009. The Electronic Frontier Foundation and the Asian Law Caucus intentò una causa simile per ottenere informazioni sulla politica all'inizio del 2008.

Il Dipartimento della Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti, l'agenzia madre del CBP, emise nuove linee guida per le ricerche di frontiera nell'agosto 2009, un giorno dopo l'ACLU intentò la causa informazioni sulla politica. Le nuove linee guida stabiliscono dei limiti su quanto tempo il CBP e l'agenzia affiliata US Immigration and Customs Enforcement potrebbero detenere dispositivi elettronici, ma ha continuato a consentire la ricerca di dispositivi senza sospetti di illeciti.

Anche i membri di NACDL e NPPA hanno avuto i loro dispositivi , incluse fotocamere e smartphone, cercati ai confini degli Stati Uniti, l'ACLU ha dichiarato in un comunicato stampa. La causa descrive le ricerche CBP di un laptop di proprietà di un avvocato della difesa criminale e un laptop di proprietà di un fotografo freelance.

Grant Gross copre la tecnologia e la politica delle telecomunicazioni nel governo degli Stati Uniti per The IDG News Service. Segui Grant su Twitter su GrantusG. L'indirizzo e-mail di Grant è [email protected]